Seguici anche su facebook
Diventa fan
prenota una visita gratuita e senza impegno di un consulente solpur
opportunità_di_lavoro_job_opportunities_solpur

Solpur al cinema

Gli erogatori solpur all'interno del film


Solpur Italia | sponsor tecnico all'interno del film "A chi appartieni"


Prodotto da Aliamedia con il contributo del Comune di Bisceglie e di Solpur Depuratori d´Acqua, il mediometraggio sottotitolato in inglese si accinge a partecipare anche a festival e rassegne cinematografiche organizzate all´estero.

guarda il trailer del film : http://www.youtube.com/watch?v=j1Cxv7RhfyY

In attesa del debutto fuori concorso al Foggia Film Festival, venerdì 20 aprile alle 22.45 presso la Casa del Cinema, anteprima a Bisceglie lo scorso lunedì del mediometraggio di Gianluigi Belsito e Michele M. Caricola intitolato "A Chi Appartieni", alla presenza di un pubblico numeroso tale da richiedere una seconda proiezione.

Il film è la storia aspra di un giovane universitario, interpretato dal giovane promettente attore andriese Luigi Di Schiena, catapultato in un mondo del lavoro sbarrato, dove la competenza cede il passo a svariate forme di "appartenenza". Intuendo ben presto di non potercela fare contando esclusivamente sulle sue forze, Paolo cede alle lusinghe dell´amico Simone, l´altrettanto esordiente Francesco Paolo Palmese, che lo induce a tentare la strada della prostituzione. Ma l´incontro con Patty, l´attrice Claudia Lerro, potrebbe cambiare il corso delle cose.

Vicenda quanto mai attuale, spaccato di vita che lascia lo spettatore con l´amaro in bocca, quest´opera prima è, nelle parole del regista Caricola, ''diversa, realistica, volutamente dura ma anche un po´ grottesca''. ''Non saremmo riusciti a parlare in termini diversi del mondo del lavoro di oggi - aggiunge lo sceneggiatore Belsito - facendolo senza ipocrisie di alcun genere''. I due autori dichiarano di essersi ispirati a una storia vera, sia pur rivisitata con occhio cinematografico, e difendono A Chi Appartieni da chi, tra il pubblico, si è sentito turbato da considerazioni pesanti sulla realtà dell´Italia di oggi. ''Abbiamo voluto realizzare un piccolo film-denuncia - dicono - raccontare una verità, anche se filtrata dal punto di vista degli autori. Ognuno è libero di dire la sua, pure sottolineando le brutture della società''.

Anche la musica, con la maggior parte dei brani fortemente evocativi, alcuni strumentali altri cantati dal gruppo dei Broken Cords, contribuiscono a rendere l´atmosfera cupa e fuorviante. Prodotto da Aliamedia con il contributo del Comune di Bisceglie e di Solpur Depuratori d´Acqua, il mediometraggio sottotitolato in inglese si accinge a partecipare anche a festival e rassegne cinematografiche organizzate all´estero.